Tom Hanks
09/07/1956
Thomas Jeffrey Hanks è un attore, regista, sceneggiatore, doppiatore, produttore cinematografico e televisivo statunitense.

La sua carriera ha avuto inizio negli anni Ottanta quando, interpretando la serie Henry e Kip (Bosom Buddies), cominciò a esser conosciuto; da allora ha recitato in numerosi film ottenendo un grande successo di critica e di pubblico. Nel corso della sua carriera ha ricevuto sei candidature agli Oscar, ed è tra i soli due attori (insieme a Spencer Tracy) nella storia ad aver vinto due Oscar al miglior attore consecutivamente: nel 1994 per Philadelphia e nel 1995 per Forrest Gump. Ha inoltre vinto cinque Golden Globe, di cui uno alla carriera, due Screen Actors Guild Award, cinque Emmy e un Orso d'argento al Festival di Berlino.

Tra gli incarichi svolti c'è stato, a partire dal 2005, quello di vicepresidente dell'Academy, la società che ogni anno assegna i premi Oscar. Hanks, inoltre, anche se non è più vicepresidente, è tuttora membro del Consiglio di Amministrazione dell'Academy.
Tom Hanks nasce a Concord (California) da padre statunitense, Amos Mefford Hanks (un lontano discendente del 16º Presidente degli Stati Uniti Abraham Lincoln) e da madre statunitense di origini portoghesi, Janet Marylyn Frager, di professione infermiera.[2] I suoi genitori hanno divorziato quando lui aveva 4 anni. Hanks ha studiato recitazione teatrale alla California State University di Sacramento.
Tom Hanks esordisce nel mondo dello spettacolo con la serie televisiva Henry e Kip e poi successivamente recita nell'episodio Vendetta tremenda vendetta della serie Happy Days, nella parte di un ragazzo che decide di vendicarsi di Fonzie, che lo aveva buttato dall'altalena quando erano all'asilo. Il vero e proprio esordio cinematografico avviene nel 1984, con il film Splash - Una sirena a Manhattan di Ron Howard; il film ottiene un successo sia di critica sia di pubblico, lanciando Hanks nel mondo di Hollywood. Nel corso degli anni Ottanta, recita in diverse commedie tra cui Casa, dolce casa?, Dirsi addio, La retata, Big (con il quale ottiene la prima candidatura all'Oscar), L'erba del vicino, Turner e il casinaro, che diventeranno il trampolino di lancio per i successivi film.
Nel 1990 è protagonista del film Il falò delle vanità, di Brian De Palma, che vede come protagonisti anche Bruce Willis, Melanie Griffith e Morgan Freeman. Il film è stato un flop sia a livello commerciale, sia di critica. Costato circa 47 milioni di dollari, ne ha guadagnati alla sua uscita appena 15 negli Stati Uniti. Molti critici non hanno apprezzato la scelta del cast, soprattutto la scelta di Tom Hanks nel ruolo di Sherman McCoy e Bruce Willis in quello di Peter Fallow.

Nel 1993 interpreta insieme con Meg Ryan Insonnia d'amore, dove interpreta Sam, uomo rimasto vedovo e con un figlio sulle spalle, che decide di cambiare città, dove poi incontra la nuova donna della sua vita, Annie. Il film, costato 21 milioni di dollari ha incassato 227.799.884 dollari, restando in testa alle classifiche del box office di tutto il mondo per le prime due settimane. Con Meg Ryan aveva già lavorato tre anni prima in Joe contro il vulcano (1990), in cui lei interpreta i ruoli di tre sorelle e reciterà successivamente anche nella commedia romantica C'è posta per te (1998) e in Ithaca (2015).

Nello stesso anno viene scelto dal regista premio Oscar Jonathan Demme e recita in Philadelphia nel ruolo di Andrew Beckett giovane avvocato gay, malato di AIDS, che, dopo essere stato licenziato dallo studio legale in cui lavorava, porta in causa i suoi ex datori di lavoro grazie anche alla collaborazione dell'avvocato di colore Joe Miller (interpretato da Denzel Washington). Per interpretare il ruolo di Andy Beckett, Tom Hanks ha dovuto perdere dodici chili e ha anche battuto la concorrenza di Andy García, Michael Keaton e Daniel Day-Lewis. Philadelphia è stato un successo sia in America sia nel resto del mondo, tanto da far vincere a Tom Hanks il Golden Globe, l'Orso d'Argento a Berlino e il suo primo Premio Oscar come miglior attore e a Bruce Springsteen l'Oscar alla miglior canzone.
L'anno seguente torna a vincere l'Oscar, eguagliando così il record di due premi consecutivi di Spencer Tracy, per l'interpretazione del giovane con ritardo mentale Forrest Gump nell'omonimo film di Robert Zemeckis. Tom Hanks aveva rispettivamente 38 e 39 anni quando vinse i due Oscar al miglior attore nel 1994 e 1995, esattamente come Spencer Tracy quando li vinse nel 1938 e nel 1939.[3] Inoltre Forrest Gump ha ricevuto tredici candidature al Premio Oscar, vincendone 6 tra cui miglior film, regia, attore, sceneggiatura non originale, montaggio ed effetti speciali. Con un budget di 55 milioni (8 vennero dati come compenso a Tom Hanks che era da poco reduce delle riprese di Philadelphia) Forrest Gump ha incassato quasi 680 milioni di dollari in tutto il mondo. Nel 1995 torna a lavorare con il regista Ron Howard per il quale interpreta l'astronauta Jim Lovell in Apollo 13, film ispirato all'omonima vicenda accaduta agli astronauti della missione Apollo 13, nel 1970. Il film è stato candidato a 9 premi Oscar (tra cui miglior film e miglior regia) ed è stato inserito dal New York Times nella lista dei 1000 migliori film di sempre.

Nel 1996 fa il suo esordio alla regia con la commedia musicale Music Graffiti, ambientata negli anni Sessanta. Dopo un breve periodo di pausa, nel 1998 lavora con Steven Spielberg nel film Salvate il soldato Ryan. La pellicola, incentrata sullo sbarco in Normandia nel 6 giugno 1944, ottiene buoni consensi di critica e ottimi incassi. Costato 120 milioni di dollari e presentato fuori concorso al Festival di Venezia, il film riceve undici candidature all'Oscar e ne vince cinque: miglior regia, fotografia, montaggio, sonoro ed effetti sonori. Anche Hanks ha ricevuto una candidatura come miglior attore, ma viene battuto da Roberto Benigni per La vita è bella. L'anno seguente interpreta la guardia carceraria Paul Edgcombe ne Il miglio verde, tratto dall'omonimo romanzo di Stephen King.
Nel 2000 è il protagonista della pellicola Cast Away, diretta da Robert Zemeckis dove interpreta Chuck Noland, agente del servizio espresso Fed Ex che naufraga su un'isola deserta. Il film venne girato in due periodi di tempo separati in mesi diversi. Il motivo della pausa fu la necessità per Tom Hanks di avere a disposizione tempo per perdere venti chili di peso per interpretare la parte del sopravvissuto. Questa sua interpretazione vale all'attore un Golden Globe come miglior attore in un film drammatico e la sua quinta candidatura all'Oscar. Successivamente insieme con Steven Spielberg, e con la collaborazione della HBO, produce la serie televisiva Band of Brothers - Fratelli al fronte (2001).

Nel 2002 interpreta, insieme con Leonardo DiCaprio, Prova a prendermi di Steven Spielberg, basato sulla storia vera di Frank Abagnale Jr., truffatore che, negli anni sessanta, si è spacciato per pilota d'aereo, medico e avvocato. Il film ha incassato circa 164 milioni di dollari e l'attore Christopher Walken ha ricevuto la candidatura come miglior attore non protagonista.

Successivamente ha interpretato la commedia nera de i fratelli Coen Ladykillers, e sempre nello stesso anno, il 2004, torna a lavorare con Spielberg nella commedia The Terminal. Il film è ispirato alla storia vera del rifugiato iraniano Mehran Karimi Nasseri, che nel 1988 visse bloccato nel terminal 1 dell'aeroporto di Parigi Charles de Gaulle.

Nel 2006, nel 2009 e nel 2016 interpreta il professore Robert Langdon, protagonista de Il codice da Vinci, Angeli e demoni e Inferno (tutti diretti da Ron Howard). I tre film sono basati sui romanzi dello scrittore statunitense Dan Brown e, sia i romanzi sia i film, hanno ottenuto un ottimo successo sia di critica sia di pubblico.

Gli anni duemiladieci
Nel 2011 torna dietro e davanti alla macchina da presa, insieme con Julia Roberts, nella commedia L'amore all'improvviso - Larry Crowne e sempre nello stesso anno è il protagonista, insieme con Sandra Bullock, di Molto forte, incredibilmente vicino tratto dall'omonimo romanzo di Jonathan Safran Foer.

Nel 2015 è protagonista del film Il ponte delle spie, la pellicola ambientata nel 1960, in piena Guerra Fredda tra USA e URSS, e diretta da Steven Spielberg. L'anno successivo è protagonista del film Sully, diretto da Clint Eastwood. La pellicola narra la storia del Capitano Chesley "Sully" Sullenberger che il 15 gennaio 2009 fu costretto a effettuare un eroico ammaraggio sul fiume Hudson, a causa di uno scontro con uno stormo di uccelli che causò la rottura di due motori, con il quale salvò la vita a 150 passeggeri e 5 membri dell'equipaggio.

Nella primavera del 2017 è protagonista, accanto ad Emma Watson, del thriller fantascientifico The Circle, tratto dal romanzo Il cerchio di Dave Eggers e diretto da James Ponsoldt. Le riprese della pellicola sono iniziate nel settembre 2015 in California.

Nell'autunno del 2017 ha esordito come scrittore con la raccolta di racconti Tipi non comuni.

DOPPIATORI

OPERE:

DOPPIATORE
PERSONAGGIO
OPERA
ANNO
Roberto Chevalier (19)
Angelo Maggi (16)
Tonino Accolla (7)
Massimo Rossi (3)
NED DONNELLY
0
FORREST GUMP
1994
MICHAEL SULLIVAN
2002